Elementi chiave di una rete collaborativa nell’industria della moda

marzo 17, 2021

Un ecosistema digitale aiuta le aziende di moda a ottimizzare le fasi di disegno-pianificazione-produzione, migliorare l’accuratezza della pianificazione della supply chain, ottenere la visibilità completa dell’inventario e gestire gli aspetti finanziari e la liquidità. Tutto ciò contribuisce a garantire che i prodotti giusti arrivino nel posto giusto, al momento giusto e nel rispetto del budget, e che siano in linea con l’impegno a favore della sostenibilità che interessa i clienti dal punto di vista sociale e ambientale. Inoltre, una supply chain connessa può migliorare la visibilità di importanti metriche di produzione, come il consumo di acqua e il contenuto di sostanze chimiche, che possono essere tutte condivise con i consumatori.

Le reti collaborative collegano sistemi complessi di aziende, applicazioni, fornitori di servizi, fonti di dati e dispositivi coinvolti nella catena del valore di un brand della moda e li ospitano su una piattaforma cloud, assicurando prestazioni e accessibilità ottimali. I sistemi basati sul cloud migliorano la comunicazione, le performance, la scalabilità, la sicurezza e la potenza di calcolo necessarie per sfruttare le soluzioni tecnologiche dalla fase di disegno fino al ciclo di produzione.

Una rete collaborativa può gestire al meglio alcuni aspetti fondamentali che consentono di acquisire e sfruttare le informazioni sui clienti:

  1. Previsione precisa della domanda: Una migliore visibilità significa una comprensione più profonda dei comportamenti dei clienti che possono essere comunicati in tempo reale a stilisti, fornitori e produttori, rendendo più facile adattarsi ai cambiamenti improvvisi del mercato.
  2. Mitigazione del rischio: Gli insight sulla produzione offrono ai brand un migliore controllo sull’approvvigionamento, sul trasporto e sulla pianificazione, anche in periodi di crisi, come la recente pandemia.
  3. Migliore visibilità grazie alla comunicazione condivisa: Le reti collaborative aiutano i brand a migliorare le loro comunicazioni coinvolgendo tutti i componenti della supply chain. In questo modo si eliminano i silos e si dà al brand un controllo migliore su chi vede i messaggi importanti esattamente quando devono essere visti.
  4. Supply chain ottimizzata: La supply chain deve aumentare la produttività, non ostacolarla. Le reti collaborative nel settore della moda migliorano la governance della supply chain garantendo la massima trasparenza e possono essere utilizzate per aumentare l’efficienza e la produttività, in particolare con l’introduzione di altri strumenti avanzati come l’intelligenza artificiale.
  5. Forza lavoro evoluta: Le persone sono il fulcro di qualsiasi brand. Per questo è fondamentale mettere a disposizione del personale gli strumenti e le conoscenze necessarie per operare sempre in modo ottimale. Occorre combinare tecnologie di gestione dei talenti basate sulla scienza e ruoli chiaramente definiti per far sì che i dipendenti siano ancora più interconnessi e resilienti.

La necessità di sfruttare le soluzioni tecnologiche disponibili per creare una solida rete collaborativa è particolarmente importante nel settore della moda. Un ecosistema digitale può trasformare un brand della moda in un’azienda agile, flessibile e resiliente, capace di soddisfare i clienti e di portare avanti una solida strategia operativa e di crescita.

Per saperne di più su questo argomento e per ottenere informazioni pratiche su come la tua azienda può creare una rete digitalizzata, connessa e collaborativa, consulta questa Guida alle best practice

Archiviato in
  • Cloud
  • ERP
  • Supply Chain
Settore
  • Fashion
Prodotto
  • CloudSuite Fashion
  • Demand Planning
  • Infor PLM for Fashion
Area geografica
  • EMEA
Mettiti in comunicazione con noi

Grazie per l’interesse, ci manterremo in contatto

Infor valorizza la tua privacy.